Giochi e Diabete

a cura della dott.ssa Veronica Rossano

Dipartimento di Informatica

Università degli Studi di Bari Aldo Moro

L’educazione del bambino e adolescente con diabete e della sua famiglia rappresenta l’intervento cardine in aggiunta alla terapia insulinica e all’adeguamento dietetico e dell’attività fisica ed è rivolta sia ai bambini che ai loro genitori. Ovviamente la cura è a carico dei genitori quando i bambini sono piccoli, ma anche i bambini vengono istruiti gradualmente fino a raggiungere l’autonomia e durante l’adolescenza le conoscenze e l’autogestione devono lentamente passare dai genitori ai ragazzi.
Negli ultimi anni la tendenza è quella di utilizzare le nuove tecnologie a supporto dei processi educativi soprattutto per incoraggiare e favorire l’acquisizione di nozioni specifiche riguardanti la malattia e di abilità pratiche che consentano il raggiungimento dell’autogestione. Per questo nel corso degli anni sono stati sviluppati diversi prodotti multimediali che consentono di integrare la dimensione del gioco e dell’interattività nei processi di formazione rendendoli più gradevoli.

In questo scenario, la ricerca condotta in collaborazione tra il gruppo di ricerca afferente al Laboratorio Technology Enhanced Learning Laboratory (TELL) del Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro, coordinato dalla prof.ssa Teresa Roselli, l'Associazione Pugliese per l’aiuto ai Giovani con Diabete (APGD) e alcuni medici dell'Ospedale Pediatrico “Giovanni XXIII” ha portato alla realizzazione di diverse soluzioni multimediali per la formazione iniziale e continua sul diabete dei giovani pazienti e dei genitori.

Nel corso di questi anni sono state sviluppate numerose applicazioni, le più significative sono:

  • L'isola del tesoro
  • Serious Mika
  • :Diabete (smile D)
  • Diabetland
  • Treasure Hunter
  • Gluka

Al fine di comprendere più a fondo lo stato dell'arte per ogni applicazione sviluppata segue una breve scheda descrittiva  di ciascuna applicazione.


L'isola del tesoro
(Tesi di laurea “Game-based Learning: progettazione e sviluppo di un gioco per l’educazione terapeutica” – Laureanda: Fenu Rosmara – Relatori: Prof.ssa Teresa Roselli, Dott.ssa Veronica Rossano  - Correlatori: Dott.ssa Elvira Piccinno, Dott.ssa Elda Frezza)

L’isola del tesoro è rivolta ai giovani diabetici e alle loro famiglie finalizzata che vogliono acquisire i concetti di base della gestione glicemica.

Il percorso da compiere tra le diverse isole è costellato di informazioni e di oggetti utili a scovare il tesoro finale. Per poter proseguire nella navigazione tra le isole, l’aspirante pirata sarà messo continuamente alla prova da domande più o meno semplici. Più risposte corrette darà, più probabilità avrà di essere promosso e sbloccare l’isola successiva. Alla fine del percorso sarà diventato un Pirata a tutti gli effetti e se avrà acquisito le nozioni fondamentali sul diabete…avrà anche trovato il tesoro!

A chi è diretto: bambini di età compresa fra 7-12 anni
Cosa insegna: vocabolario ed elementi di base della gestione glicemica


Serious Mika
(Tesi di laurea “Un serious game per l’educazione al diabete di tipo” – Laureando: Lisi Piero - Relatori: Prof.ssa Teresa Roselli, Dott.ssa Veronica Rossano - Correlatori: Dott.ssa Elvira Piccinno, Dott.ssa Elda Frezza)

È un gioco rivolto ai giovani diabetici e finalizzato all’acquisizione delle competenze di autogestione consapevole della malattia.

Mika è una formica diabetica che deve essere curata dall’utente e che deve evitare gli episodi di ipo/iperglicemia. Durante il gioco, c’è il Grillo parlante che si occupa di dare suggerimenti e motivare l’utente a continuare a giocare.

 

A chi è diretto: bambini di età compresa tra i 7 e i 10 anni
Cosa insegna: autogestione della malattia (terapie, alimentazione, bilanciamento attività fisica/dispendio energia)

:Diabete (SmileD)
(Tesi di laurea “Una Narrazione Multimediale per l’empowerment del paziente: progettazione e sviluppo dell’interazione” – Laureanda: Orlando Roberta
Tesi di laurea “Una Narrazione Multimediale per l’empowerment del paziente: progettazione e sviluppo dei contenuti” – Laureanda: Castaldo Andrea
Relatori: Prof.ssa Teresa Roselli, Dott.ssa Veronica Rossano - Correlatori: Dott.ssa Elvira Piccinno, Dott.ssa Marcella Vendemmiale)


:Diabete è un racconto multimediale che aiuta i genitori a raccontare ai propri figli l’esordio della malattia. È fruibile su Smartphone Android ed è ricca di animazioni e suoni che aiutano l’utente a in teragire con l’applicazione e a sentirsi partecipe e non solo ascoltatore.

A chi è diretto: bambini di età compresa tra i 4 e gli 8 anni
Cosa insegna: cosa è il diabete e la terapia farmacologica

 
Treasure Hunter
(Tesi di laurea “Progettazione e realizzazione di un videogioco per la formazione sul diabete Tipo I” – Laureando: Salinaro Ivan
Tesi di laurea “La progettazione partecipata per la realizzazione di un role playng game” – Laureando: Rossello Stefano
Relatori: Prof.ssa Teresa Roselli, Dott.ssa Veronica Rossano  - Correlatori: Dott.ssa Elvira Piccinno, Dott.ssa Elda Frezza
)

Treasure Hunter è un videogioco che ha lo scopo di educare ragazzi diabetici alla prevenzione dell’ipoglicemia.

“Il protagonista è un cercatore di tesori. Nonostante il diabete, l'eroe è il più tenace cercatore al servizio di un ricco dottore, il Dr.May, esperto di minerali ed ex speleologo, oramai troppo avanti con l’età per intraprendere nuove avventure. Il Dr. May ha scoperto l'esistenza di una nuova e rara pietra preziosa, la Gemma del Nord, che nasconde un segreto. Egli vuole aggiungere a tutti i costi la pietra alla propria collezione e scoprirne il magico segreto. La pietra si trova in un luogo lontano, le Lande Fredde, che possono essere raggiunte solo da un avventuriero senza paura. Così, l’eroe, sempre alla ricerca di nuove avventure rischiose con cui misurarsi, parte in compagnia di tre ricercatori esperti che l’aiuteranno nel riportare la Gemma del Nord e a scoprire il segreto più grande per lui: imparare ad autogestire l’ipoglicemia consente di raggiungere qualunque traguardo”.

 

A chi è diretto: ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 12 anni
Cosa insegna: Gestione e prevenzione dell’ipoglicemia


Gluka
(Tesi di laurea “Il Game-Based Learning per l’Empowerment dei giovani diabetici” – Laureando: Labranca Gianluca
Tesi di laurea “Progettazione e realizzazione di un’app per l’aggiornamento e l’educazione dei caregiver” – Laureando: Valeria Vitti
Relatori: Prof.ssa Teresa Roselli, Dott.ssa Veronica Rossano  - Correlatori: Dott.ssa Elvira Piccinno, Dott.ssa Elda Frezza
)

Gluka è un gioco che ha lo scopo di far allenare i ragazzi con la conta dei carboidrati. Il protagonista Gluka è un supereroe che deve sconfiggere il nemico Vortex che ha rubato l’energia agli abitanti di Karboville. Il supereroe dovrà trovare una serie di oggetti affrontando sfide diverse per ogni livello. In ogni sfida dovrà stare attento a raccogliere il giusto quantitativo di carboidrati per poter passare al livello successivo.

A chi è diretto: ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 12 anni
Cosa insegna: Conta dei carboidrati

  

 

Progetto realizzato da Santa Barletta - Tesi di laurea svolta presso il Laboratorio TELL (Technology Enhanced Learning) - Dipartimento di Informatica -
Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Relatori: Prof.ssa Teresa Roselli - Dott.ssa Veronica Rossano
Grafica di Vincenzo Maselli